Le Nostre Notizie

Care Amiche, cari Amici,

A detta di molti frequentare un seminario di Reiki presso La Città della Luce è una esperienza unica ed entusiasmante.

In effetti nel corso del seminario di Primo Livello Reiki, non si impara soltanto il Reiki, ma si possono integrare ulteriori informazioni indispensabili per un corretto ed efficace percorso di crescta personale, professionale e spirituale.

Nel corso del seminario si apprende il Reiki, ma anche la Psicosomatica, si esplora il Sistema dei Chakra, si incontra il Bambino Interiore e si fa pratica del Campo Morfogenetico grazie all'Approccio Sistemico e al Metodo Fenomenologico. Ma procediamo con ordine:

La Metamorfosi e il Segno dei Pesci - newsletter La Città della Luce

 

In greco "Ixthùs" significa pesce, ed è l'acronimo che rappresenta il nome di Cristo,
ossia Iesus Xristos  Theus Uios Soter, Gesù Cristo Figlio di Dio Salvatore,
utilizzato dai cristiani dei primi secoli come segno di riconoscimento.

 

Care Amiche, cari Amici,

Le temperature di questi ultimi giorni e l’allungarsi delle giornate ci fanno già pregustare la primavera, e anche la natura sembra già pronta a sbocciare e rinascere…

Il segno dei Pesci corrisponde all'ultima fase invernale che precede quella primaverile, il concetto di liminarità tra fine e inizio sono ben rappresentati anche nel simbolo del Tao che con chiara evidenza rappresenta proprio la dimensione totalizzante del dodicesimo archetipo dello zodiaco.

Il segno dei Pesci è l'ultima fase della metamorfosi-germinazione (Nettuno) da seme a embrione che vive però ancora una totale fragilità avvolta e custodita dal grembo della Madre Terra (esaltazione della Luna), in una sorta di sospensione e assenza temporale (Esilio di Y), di oblio e inconsapevolezza (Esilio di Mercurio e di Y).

La giovane creatura non ha ancora contattato l'empito vitalistico dell'Ariete, ancora sembra priva di forza e di volontà, (Caduta di Urano) nella passività di una trasformazione subita più che agita (Domicilio di Nettuno).

Il glifo rappresenta due pesci che nuotano in direzioni opposti, proprio a rappresentare la contraddittorietà e il dualismo implicito nella realtà: solo trascendendo questa apparente divisione e separazione è possibile connettersi con l'Unità che è Fonte della Vita.

Ecco perchè i due pesci, pur nuotando in direzioni opposte, sono uniti l'uno all'altro da un filo.

Operatori Olistici: Esame di Attestazione SIAF

Care Amiche, cari Amici,

Con l’entrata in vigore della legge 4/2013 del 14 Gennaio 2013, intitolata “Disposizioni in materia di professioni non organizzate”, anche in Italia le professioni del benessere fino ad allora non giuridicamente riconosciute hanno trovato una disciplina (per il testo della legge si veda il link: http://www.scuolaolistica.org/it/normativa-operatore-e-counselor-olistico).

I soci che si iscrivono alla Scuola Olistica della Città della Luce possono quindi scegliere un percorso formativo, compilare un piano di studi e – frequentando i corsi e svolgendo il tirocinio previsto - ottenere i requisiti necessari per poter richiedere l'attestazione come Counselor Olistico o Operatore Olistico.

Seguendo le direttive della legge italiana, per i soci dell’Associazione Culturale La Città della Luce che lo richiedessero è previsto il riconoscimento della figura professionale dell’Operatore Olistico e del Counselor Olistico e l'iscrizione ad una associazione di categoria, la SIAF.

 

Non leggiamo e scriviamo poesie perché è carino: noi leggiamo e scriviamo poesie
perché siamo membri della razza umana; e la razza umana è piena di passione.
Medicina, legge, economia, ingegneria sono nobili professioni, necessarie al nostro sostentamento;
ma la poesia, la bellezza, il romanticismo, l'amore, sono queste le cose che ci tengono in vita.

L'attimo fuggente

 

 

 È poeta chi ha la capacità di portare alla luce
quanto di buono è latente nell'animo umano.

Mahatma Gandhi

 

LA POESIA

La poesia (dal greco πο?ησις (poiesis), "creazione") è lo strumento linguistico utilizzato per trasmettere un messaggio particolare, costituito dal significato semantico delle parole insieme al suono e al ritmo che queste imprimono alle frasi.

La poesia possiede la qualità della musica e riesce a trasmettere concetti e stati d'animo in maniera più evocativa e potente di quanto non faccia la prosa, in quanto attraverso le parole e i suoni vengono veicolati significati e contenuti emotivi.

A questi due aspetti della poesia si aggiunge un terzo quando una poesia, anziché essere letta direttamente, viene ascoltata: con il linguaggio del corpo e il modo di leggere, il lettore-attore interpreta il testo, aggiungendo la dimensione teatrale della dizione e della recitazione.

 

La Villa di Turbigo vista da Sud, dal 1999 sede storica della Città della Luce

Care Amiche, cari Amici,

siamo davvero lieti di annunciare una serie di eventi legati alla riapertura della storica sede della Città della Luce in Via Lonate 6, a Turbigo in provincia di Milano.

Era il 1999 quando un gruppo di coraggiosi pioneri decisero di condividere beni e intenti per dare origine ad un Nuovo Modello di Società fondato su Libertà, Amore e Consapevolezza.

A tutti coloro che hanno contribuito alla costruzione della Comunità La Città della Luce va il nostro più sentito ringraziamento, consapevoli che ogni persona che è passata in questi anni attraverso il percorso di crescita personale con Reiki ha offerto un dono prezioso per la realizzazione del Progetto.

La Villa di Turbigo vista da Nord

Dal 1999 al 2006 migliaia di persone sono passate dal Centro Internazionale Reiki di Turbigo, proprio loro ci hanno incoraggiato ogni giorno a proseguire nella nostra straordinaria avventura alla Ricerca di un Mondo Migliore.

Il Progetto della Città della Luce si propone come un Nuovo Modello di Famiglia, Economia e Società, esportabile in ogni parte del mondo, fondato su un solido percorso di crescita personale e spirituale, condizione irrinunciabile per una sana e proficua convivenza e cooperazione.

Reiki Metodo Usui, Ayurveda e Yoga, Psicogenealogia e Costellazioni Familiari, Psicosofia Archetipica sono i pilastri, le fondamenta su cui si fonda il percorso di crescita e autoguarigione proposto dalla Città della Luce.

Il CarnevaIe, tra poesia e follia

La celebrazione del Carnevale trae origini da festività antiche come le Dionisiache greche e i Saturnali romani, ove si realizzava un temporaneo scioglimento degli obblighi sociali e delle gerarchie per lasciar posto al rovesciamento dell'ordine, allo scherzo e anche alla dissolutezza.

Durante il carnevale lo schiavo diventa un uomo libero e il padrone serve gli schiavi: da un punto di vista storico e religioso il carnevale rappresenta, dunque, un periodo di festa ma soprattutto di rinnovamento simbolico, durante il quale il caos sostituisce l'ordine costituito, che una volta esaurito il periodo festivo, riemerge nuovo o rinnovato.

La Celebrazione del Carnevale, dal latino "carnem levare", ossia togliere la carne, in riferimento al digiuno della quaresima, rappresenta la circolazione degli spiriti tra cielo, terra e inferi, e riconduce a una dimensione metafisica che riguarda l’uomo e il suo destino.

Agli inizi della Primavera, quando la natura comincia a manifestare la propria energia di rinascita, il Carnevale segna un passaggio aperto tra gli inferi e la terra abitata dai vivi.

Le anime dei morti, per non diventare pericolose, devono essere onorate e per questo si prestano loro dei corpi provvisori: essi si manifestano attraverso le maschere che hanno quindi spesso un significato apotropaico, in quanto chi le indossa assume le caratteristiche dell'essere "soprannaturale" rappresentato.

Newsletter Gennaio La Città della Luce

Da qualche ora il Sole è entrato nel segno dell’Aquario, che è il terzo dei segni d’aria, governato da Urano, il pianeta scoperto nel 1781 pochi anni prima dello scoppio della Rivoluzione Francese; e possiamo dire con certezza che gli ideali di libertè, egalitè e fraternitè si sposano davvero bene con il carattere dei nati sotto questo segno. Il Sole in Aquario infatti è molto sensibile agli ideali in generale, ai massimi principi, alle idee universali: è un segno d’aria, portato alla riflessione e al ragionamento, a una visione progressista e soprattutto collettiva. L’Aquario ragiona e parla al plurale, si interessa delle sorti dell’umanità, non sopporta le ingiustizie e si sente felice quando può condividere tutto quello che possiede e che crea: l’Aquario ci insegna forse uno dei più nobili sentimenti che possiamo sperimentare, ovvero l’amicizia, una forma di amore generoso (ma non troppo, l’Aquario ha il Sole in esilio, dopotutto) e disinteressato (anche qui, non troppo, l’Aquario a volte rivela un atteggiamento opportunista e diplomaticamente strategico).

Basta pensare a due personalità quali Abramo Lincoln e Thomas Edison, entrambi Acquario: il primo ha abolito la schiavitù e le disuguaglianze sociali, il secondo ha prodotto alcune delle invenzioni più utili e necessarie per l’umanità (Urano è anche il pianeta del progresso).
Il mito associato al segno dell’Acquario infatti è la storia di Prometeo, che ruba il fuoco agli dei per donarlo agli uomini, a simboleggiare tutte quelle scoperte, invenzioni e prodigi del genio umano, che ci avvicinano sempre più alla condizione divina. Era una Aquario anche Jules Verne, dotato di una fervida immaginazione, ricca di plausibili elementi tecnici e tecnologici.

Caprricorno_Astrologia_Archetipica_Evolutiva_Citta_della_Luce

Anche quest'anno siamo arrivati al solstizio invernale e al segno del Capricorno. Inizia la fase più fredda e buia della natura, che si chiude nel gelo è un periodo difficile, la natura non è propizia e non aiuta (caduta di Venere), occorre armarsi di senso pratico e razionalità per sopravvivere fino alla Primavera (Saturno, Urano).  

L'immagine del Capricorno rappresenta una creatura mitologica, per metà capra e per metà pesce, simbolo di ascesi verso la vetta della montagna, elevazione e purificazione dalle profondità dell'inconscio personale e collettivo.

Governatore del segno è Saturno, il cui simbolo grafico viene interpretato come la falce, attributo del dio del fato, del tempo e anche della morte. Saturno è un dio severo, rappresenta il potere, l’ambizione, l’assenza di passioni e di calore, ma è anche la maturità, la conquista della saggezza attraverso le prove della vita.

Il segno del Capricorno ci sostiene nell’ascesa verso valori superiori, nell’accettazione del destino, ci aiuta a concentrare le energie in vista di un obiettivo, sviluppa in noi disciplina interiore e senso di responsabilità.

Il Bambino e il Guerriero - La Città della Luce

 

In questo periodo natalizio, dopo aver riflettuto sul significato del “regalo” e dell'innocenza dolce e spensierata, continuiamo a esplorare la tematica legata all’Innocente, da altri punti di vista. Perché? Perché si avvicina l'appuntamento con il Seminario Intensivo “Il Viaggio dell’Eroe”, dove oltre all’archetipo dell’Innocente verranno attivati anche l’Orfano, il Guerriero e l’Angelo Custode. Perché avere neonati e bambini in comunità ci mette quotidianamente di fronte alla loro bellezza e purezza da una parte, ma anche alla loro fragilità e totale dipendenza dall’altra.

Un tema da noi molto sentito, ad esempio, riguarda le vaccinazioni, perché tocca tutti questi punti e richiede una presa di coscienza attenta e responsabile.

Il neonato, infatti, che nella vita intrauterina era stato protetto dal sistema immunitario della madre, dal momento della sua prima ispirazione entra in contatto con l’aria, con i germi e i batteri presenti inevitabilmente nell’ambiente, per quanto igienizzato. E questo serve a sviluppare il suo sistema immunitario, autonomo da quello della madre, che nella fase dell’allattamento oltre alle sostanze nutritive, veicola attraverso il colostro e il latte materno, anche anticorpi e informazioni immunologiche.

natale_innocente

 

Arriva il Natale, e come ogni anno le vie delle nostre città cominciano a esplodere di luci ammiccanti, le vetrine si riempiono di stimoli e suggerimenti, le "letterine" a Babbo Natale iniziano a viaggiare da ogni parte del mondo. Ma non solo i più piccini, anche i grandi cominciano a pensare a quello che da tanto tempo vorrebbero ricevere da Babbo Natale; questo è un momento particolare dell'anno in cui si ha più desiderio di concedersi quello che normalmente non è possibile regalarsi. Perché è diventato un lusso, o un capriccio, perché prima bisogna pensare ai debiti e alle tasse, "...e poi, se avanza qualcosa, forse forse con la tredicesima e il premio di fine anno ce la posso fare". Perché è così che succede; a Natale forse si diventa "tutti più buoni", ma soprattutto in questa atmosfera di festa si ritorna un po' bambini e  si festeggia la nascita, l'inizio della vita. Nel periodo più freddo dell'anno si cerca il calore e la coccola di un abbraccio, si ha bisogno di sentirsi protetti e amati, si mangiano cose buone, si gioca e si gioisce della vita, e tutto appare più bello e fantastico, proprio come quando eravamo bambini.

Questo accade perché il Natale ci collega con l'archetipo dell'Innocente, del Bambino Divino, che ognuno di noi ha dentro di sé, che ognuno di noi è stato in una fase della sua vita, Innocente e candido come la neve, puro e soffice, fiducioso nel futuro, completamente affidato alla mamma e al papà, e totalmente dipendente da loro. Per il bambino, non ci sono preoccupazioni, perché c'è il papà che pensa a tutto; e ci sono solo bisogni e cose belle da mangiare e da fare, che la mamma sollecitamente prepara. E questa è la vera e autentica dimensione del dono, del regalo: la vita in primo luogo ci viene donata senza che noi la meritiamo o facciamo qualcosa per ottenerla.

Pagine

condividi la tua esperienza

leggi le testimonianze

 

Contatti

info@lacittadellaluce.org

 

Telefono +39.071.7959090
Chi Siamo

 

 

Seguici su Facebook

 

Newsletters