Le Nostre Notizie

Il denaro è sempre esistito in molte forme nella società umana: dalle conchiglie, al tabacco, all’oro. Ogni oggetto diventa denaro semplicemente quando siamo d'accordo nell’utilizzare tale oggetto a scopo di soldi. In altre parole, il denaro è un accordo all'interno di una comunità di usare qualcosa come mezzo di scambio.

La comunità può essere locale, una città, una nazione. Può essere il mondo. Qualunque cosa è stata usata storicamente come mezzo di scambio.

Nel corso del tempo, il denaro è diventato più etereo e astratto nella forma. Nel 1971, il denaro è stato svincolato dalla sostanza fisica quando il presidente Nixon ha sganciato il dollaro dal sistema aureo.

Il denaro di oggi ha raggiunto le sembianze di Dio, esistendo nella forma di cifre binarie e circolando attraverso i computer a velocità ottiche. 

Stiamo vivendo in una società in cui il denaro è diventato l'obiettivo di tutto ciò che possiamo pensare.

Muoriamo piuttosto che vivere, muoriamo nel senso che facciamo le cose che odiamo, cose che in realtà esauriscono la nostra vera forza vitale, solo per portare a casa uno stipendio, perché il denaro è diventato più importante della vita umana.

Il denaro gioca un ruolo importante nella vita di ogni essere umano. Come viviamo con i soldi, come vediamo i soldi, come utilizziamo i soldi, tocca il cuore del nostro modo di vivere la vita.

Care Amiche, cari Amici della Città della Luce,

come molti di noi sanno bene, le stelle in realtà non sono altro che miliardi di soli, molto più lontani del "nostro" Sole, ma che ugualmente ci inviano la loro energia: luce, frequenze elettromagnetiche, in una parola, informazioni.

Ma oltre che nel presente, le stelle sono state fondamentali per l'uomo nel passato più remoto, quando ancora l'uomo non esisteva.

Una stella è un grande palla di idrogeno, che nel corso della sua vita produce energia dal processo di fusione nucleare degli atomi di idrogeno in atomi di elio, e negli altri elementi via via più pesanti (soprattutto ossigeno, carbonio, ferro e gli altri metalli).

Per capire il quantitativo di energia prodotto dalle stelle, pensiamo al Sole, che è una stella di dimensioni medio-piccole, composta al 74% di idrogeno e al 24% di elio (un 2% di elementi pesanti): il Sole brucia ogni secondo 600 milioni di tonnellate di idrogeno, che diventano 595,5 milioni di tonnellate di elio.

Le 500.000 tonnellate di materia mancante si trasformano nell’energia emessa dal Sole ogni secondo, che corrisponde a 405.000 miliardi di terawatt.

Cari amici e amiche della Città della Luce,
questa settimana vogliamo ringraziare chi è venuto a trovarci lo scorso weekend a Turbigo, in occasione del nostro Olistic Summer Festival. Dopo l’inaugurazione del 21 Marzo scorso, è stato bello ritrovarci in tanti nella nostra sede in provincia di Milano, sempre più bella, efficiente e pronta ad ospitare i nostri seminari e le nostre attività.

Dopo un fresco e gustoso aperitivo servito a bordo della nostra piscina (rimessa a nuovo per l’occasione!), si è tenuta la conferenza di presentazione della Città della Luce: Umberto Carmignani e gli altri membri della comunità hanno illustrato ai presenti il progetto di crescita interiore e spirituale che da anni stiamo portando avanti attraverso i nostri seminari, i consulti e i nostri progetti creativi. Un nuovo modello di società, di vita, di condivisione delle risorse è possibile e lo stiamo creando, giorno per giorno.

 

Un momento della conferenza nel salone centrale

Per noi è stata anche l’occasione per celebrare un importante passaggio stagionale, raccogliendo l’energia del Solstizio d’Estate, il giorno più lungo dell’anno, in cui da sempre nella storia dell’umanità si è festeggiato il Sole nella sua più piena manifestazione vitale: a Stonhenge uno dei monoliti centrali (Heel Stone, la “pietra del calcagno”) è posta proprio in corrispondenza del sorgere del sole al solstizio d’estate; nelle civiltà Inca, Maya e Azteca, in Egitto e ovviamente anche nell’antica Grecia e Roma si accendevano falò e si celebrava una notte magica e carica di buoni auspici (che in molte tradizioni viene spostata di qualche giorno, con i falò di San Giovanni il 24 Giugno) .

  proposto dal CONACREIS Coordinamento Nazionale Associazioni e Comunità di Ricerca Etica, Interiore e Spirituale

 

 

DATO CHE

le concezioni religiose, dogmatiche e settarie, che si basano sulla divisione tra Divinità ed Umanità, tra Creatore e Creato e sul dogma del “Dio persona”, hanno di fatto generato un modello antropocentrico, in cui l'uomo si sente “d-io” nei confronti degli altri esseri viventi, degli animali e della natura, legittimato a sfruttare e distruggere per il proprio piacere e bisogno;

DATO CHE

queste stesse concezioni hanno posto il credere e l’obbedire come presupposti assoluti ed indiscutibili, incoraggiando la fede nei dogmi e demonizzando il dubbio, generando altresì la convinzione che ogni uomo fosse il destinatario della verità e perciò legittimato ad affermarla verso gli altri uomini,

DATO CHE

queste idee, specchio di una separazione che esiste nell’uomo, hanno generato la separazione tra l'uomo e la natura, la divisione tra l'uomo e gli altri uomini per ragioni dicultura, razza, etnia, classe sociale, ideologia e sono all'origine di tutte le contrapposizioni, gli odi, le sofferenze, le guerre, i genocidi, oltre che degli sfruttamenti socio-economici;

DATO CHE

la contrapposizione tra chi crede e chi non crede, in realtà non può e non deve oscurare, né limitare il valore della “spiritualità”,che è connotazione della stessa essenza dell’uomo;

Care Amiche e cari Amici della Città della Luce,

il 24 e 25 Maggio 2014 la nostra Associazione ha ospitato per la prima volta la sessione dell’Esame di Accreditamento S.I.A.F., nel corso del quale diversi tra i nostri soci che hanno conseguito la qualifica di Operatore Olistico e Counselor Olistico sono stati accreditati e iscritti nei registri professionali della SIAF.

Celebriamo quindi il traguardo raggiunto da Lorenzo Postacchini, Annalisa Di Salvo, Simone Bongiovanni, Chiara Brunetti, Giacomo Magi e Martina Mercuri, che sono anche membri della nostra comunità nonché docenti dei corsi e dei seminari della Città della Luce; ma non dimentichiamoci di Alessia Balducci, Andrea Magnani, Lisa Montanari, Stefania Gigliotti, Loredana Priori, Alessandra Galeotti, e Corinna Belligoni, che sono tra i nostri soci più “anziani”.

 

Conferenza di Umberto Carmignani alla Città della Luce

 

 

 

Care Amiche, Cari Amici,

Vi ricordiamo i prossimi appuntamenti con La Città della Luce per il mese di Maggio.

 

 

 

Da Venerdì 30 Maggio a Lunedì 2 Giugno 2014 a Passo Ripe, Trecastelli (AN)

PERCORSO DI FORMAZIONE IN COSTELLAZIONI FAMILIARI con Umberto Carmignani e i Facilitatori della Città della Luce

 

Durante il corso verranno rappresentate quotidianamente le Costellazioni dei Partecipanti

 

I principi filosofici, psicologici e scientifici su cui si basa il lavoro delle Costellazioni Familiari. La Psicobiologia, la Psicogenealogia, i Campi Morfogenetici. Sviluppare la sensibilità e la capacità di percepire il campo. Come si lavora sull'albero genealogico e come si risolvono i conflitti. Vita e Morte. Malattia e Guarigione. Come si tiene un consulto individuale di Psicogenealogia e Costellazioni Familiari. Come si lavora con un gruppo. Costellazioni Familiari, Aziendali, Archetipiche, Astrologiche e Karmiche.

10 malattie spiritualmente trasmissibili

Cari Amici,

In questi tempi in cui si stanno sempre più diffondendo in tutto il mondo metodi di crescita personale e la spiritualità sta sempre più trovando nuovi orizzonti sociali e culturali, è bene sapere che esistono alcuni rischi connessi alla frequentazione di "guru" e  "maestri illuminati", nonchè di "gruppi esoterici" e "comunità spirituali"...meglio prevenire che curare...

A qusto proposito ci piace condividere con tutti Voi un noto articolo tratto da “10 spiritually transmitted deseases” di Mariana Caplan:

1. La spiritualità “fast-food”: Coniuga la spiritualità a una cultura che celebri la velocità, il multitasking e la gratificazione istantanea, e il risultato più probabile sarà la spiritualità “fast-food”. Quest’ultima è il prodotto dell’illusione, comune e comprensibile, che la liberazione dal dolore proprio della condizione umana possa essere facile e immediata. Tuttavia, una cosa è certa: la trasformazione spirituale non si può ottenere in un batter di occhi.

2. La finta spiritualità. La finta spiritualità consiste nella tendenza a parlare, vestirsi e comportarsi come immaginiamo farebbe una persona spirituale. È una sorta di spiritualità imitativa che mima la realizzazione spirituale, così come la finta pelle leopardata imita quella autentica.

3. Motivazioni confuse. Benché il nostro desiderio di evolverci sia puro e genuino, spesso è contaminato da motivazioni secondarie come il desiderio di essere amati, di appartenere a un gruppo, di riempire il nostro vuoto interiore; la speranza che il cammino spirituale elimini la nostra sofferenza e la nostra ambizione spirituale stessa; il desiderio di essere speciali, migliori, straordinari.

 

La fiducia in se stessi è l'essenza dell'eroismo

Ralph Waldo Emerson

 

 

Care Amiche, Cari Amici,

in questa difficile fase di passaggio della nostra epoca, dove l'emergenza di un cambiamento della situazione ambientale, economica, politica, sociale, culturale si fa sempre più sentire, è sempre più necessario procedere ad una profonda rivoluzione. Interiore. Pacifica.

Esistono nella società profonde ingiustizie e disparità che non possono più essere tollerate. Ci sono violenze inaccettabili, fisiche, psicologiche, economiche che ogni giorno vengono perpetrate ai danni di una umanità mite e silenziosa, privata dei mezzi per fare sentire la propria voce.

Occorre assumersi la responsabilità di “essere il cambiamento che vogliamo vedere nel mondo”, è necessario lasciare da parte separazioni, egoismi e individualismi, è necessario schierarsi dalla parte della Vita, dell'Amore e della Luce e contrastare le forze dell'oscurità.

Care Amiche, cari Amici,

A detta di molti frequentare un seminario di Reiki presso La Città della Luce è una esperienza unica ed entusiasmante.

In effetti nel corso del seminario di Primo Livello Reiki, non si impara soltanto il Reiki, ma si possono integrare ulteriori informazioni indispensabili per un corretto ed efficace percorso di crescta personale, professionale e spirituale.

Nel corso del seminario si apprende il Reiki, ma anche la Psicosomatica, si esplora il Sistema dei Chakra, si incontra il Bambino Interiore e si fa pratica del Campo Morfogenetico grazie all'Approccio Sistemico e al Metodo Fenomenologico. Ma procediamo con ordine:

La Metamorfosi e il Segno dei Pesci - newsletter La Città della Luce

 

In greco "Ixthùs" significa pesce, ed è l'acronimo che rappresenta il nome di Cristo,
ossia Iesus Xristos  Theus Uios Soter, Gesù Cristo Figlio di Dio Salvatore,
utilizzato dai cristiani dei primi secoli come segno di riconoscimento.

 

Care Amiche, cari Amici,

Le temperature di questi ultimi giorni e l’allungarsi delle giornate ci fanno già pregustare la primavera, e anche la natura sembra già pronta a sbocciare e rinascere…

Il segno dei Pesci corrisponde all'ultima fase invernale che precede quella primaverile, il concetto di liminarità tra fine e inizio sono ben rappresentati anche nel simbolo del Tao che con chiara evidenza rappresenta proprio la dimensione totalizzante del dodicesimo archetipo dello zodiaco.

Il segno dei Pesci è l'ultima fase della metamorfosi-germinazione (Nettuno) da seme a embrione che vive però ancora una totale fragilità avvolta e custodita dal grembo della Madre Terra (esaltazione della Luna), in una sorta di sospensione e assenza temporale (Esilio di Y), di oblio e inconsapevolezza (Esilio di Mercurio e di Y).

La giovane creatura non ha ancora contattato l'empito vitalistico dell'Ariete, ancora sembra priva di forza e di volontà, (Caduta di Urano) nella passività di una trasformazione subita più che agita (Domicilio di Nettuno).

Il glifo rappresenta due pesci che nuotano in direzioni opposti, proprio a rappresentare la contraddittorietà e il dualismo implicito nella realtà: solo trascendendo questa apparente divisione e separazione è possibile connettersi con l'Unità che è Fonte della Vita.

Ecco perchè i due pesci, pur nuotando in direzioni opposte, sono uniti l'uno all'altro da un filo.

Pagine

condividi la tua esperienza

leggi le testimonianze

 

Contatti

info@lacittadellaluce.org

 

Telefono +39.071.7959090
Chi Siamo

 

 

Seguici su Facebook

 

Newsletters