Speciale Vaccini

Image

Washington, 29 settembre 2014 – L’Italia guiderà nei prossimi cinque anni le strategie e le campagne vaccinali nel mondo. È quanto deciso al Global Health Security Agenda (GHSA) che si è svolto venerdì scorso alla Casa Bianca. Il nostro Paese, rappresentato dal Ministro della Salute Beatrice Lorenzin, accompagnata dal Presidente dell’Agenzia Italiana del Farmaco (AIFA) prof. Sergio Pecorelli, ha ricevuto l’incarico dal Summit di 40 Paesi cui è intervenuto anche il Presidente USA Barack Obama…

Fonte: http://www.aifa.gov.it/content/italia-capofila-le-strategie-vaccinali-li...

MAGGIO 2017: CONSIGLIO DEI MINISTRI HA APPROVATO IL DECRETO LEGGE ‘DISPOSIZIONI URGENTI IN MATERIA DI PREVENZIONE VACCINALE’. LE MISURE DEL DECRETO ENTRANO IN VIGORE DAL PROSSIMO ANNO SCOLASTICO.

Il decreto prevede 12 vaccini obbligatori per i bambini. Si tratta dei vaccini contro:

  • POLIO, DIFTERITE, TETANO, EPATITE B, PERTOSSE, EMOFILO MENINGOCOCCO B, MENINGOCOCCO C, MORBILLO, ROSOLIA, PAROTITE, VARICELLA.

Chi non è in regola con il certificato vaccinale non potrà essere iscritto dai genitori all’asilo nido e alla scuola materna, l’obbligatorietà riguarda anche le scuole elementari, ma in questo caso la violazione della norma prevede sanzioni e non il divieto di iscriversi alla scuola dell’obbligo.

Dai 6 anni in poi, infatti, si prevede che la scuola avrà l’obbligo di riferire alla Asl la mancata vaccinazione, sarà la Asl a contattare la famiglia, cui darà qualche giorno per mettersi in regola: se questo non avverrà scatteranno le sanzioni.

Sanzioni: in caso di violazione dell’obbligo vaccinale, ai genitori esercenti la responsabilità genitoriale e ai tutori verrà comminata la sanzione amministrativa pecuniaria da 500,00 a 7.500,00 euro. Le sanzioni saranno irrogate dalle Aziende sanitarie.

Potestà genitoriale: il genitore o l’esercente la potestà genitoriale sul minore che violi l’obbligo di vaccinazione sarà “segnalato dalla ASL al Tribunale dei Minorenni per la sospensione della potestà genitoriale”.

Diversi, quindi, i punti di rilievo del decreto. Nessuna traccia, invece, di:

  • impegno a diffondere informazioni chiare e trasparenti sui dati epidemiologici delle malattie;
  • impegno a diffondere dati certi sulle reazioni avverse;
  • riforma (e rafforzamento) della vaccino-vigilanza;
  • azioni finalizzate a promuovere e dare piena attuazione alle Leggi 210/92 e 142/01 che sanciscono l’esistenza di “rischi e complicanze dei vaccini”;
  • diagnostica e analisi pre-vaccinali.

Il decreto sui vaccini approvato dal Consiglio dei Ministri è per il Codacons palesemente incostituzionale e, pertanto, verrà impugnato dall’Associazione al fine di ottenerne l’annullamento presso la Consulta.

Non è in questione l’obiettivo (una più ampia copertura vaccinale) ma il metodo scelto dal Governo, che ha preferito seguire la strada dei trattamenti sanitari coattivi invece di esplorare la possibilità di soluzioni condivise e concordate.

Fonte:https://codacons.it/vaccini_obbligatori/

Image

 

Fonte: http://www.focus.it/scienza/salute/vaccini-pro-e-contro

 

LA VERSIONE PRO-VACCINI, RIPORTIAMO UN ARTICOLO APPARSO SU FOCUS

Fonte: http://www.focus.it/scienza/salute/vaccini-pro-e-contro

Danneggiano irrimediabilmente il sistema nervoso, provocano tumori e altre malattie, sono uno spreco di soldi e, soprattutto, non servono a niente. Sono convinzioni comuni sui vaccini, voci che arrivano ormai a tutti i genitori. Popolarissime sul Web, si diffondono con altrettanta efficacia di bocca in bocca, alimentando incertezze che diventano montagne d’ansia quando arriva il primo appuntamento con l’Asl.

La buona notizia però è che sono tutte false, inventate di sana pianta o frutto di equivoci e malintesi. A partire da quella, diffusissima, sulla presenza di mercurio nei preparati iniettati ai più piccoli. «Non c’è mercurio nei vaccini», chiarisce Stefania Salmaso, direttrice del Centro nazionale di epidemiologia, sorveglianza e promozione della salute all’Istituto superiore di sanità (Iss). «Fino agli anni Novanta era usato un conservante a base di etilmercurio, chiamato tiomersale. A differenza del metilmercurio, l’etilmercurio non danneggia il sistema nervoso. Tuttavia, per fugare ogni sospetto, è stato comunque eliminato».

I dubbi sulla sicurezza dei vaccini, e sull’opportunità di usarli, cominciano a creare situazioni rischiose, benché agenzie internazionali come l’Unicef, che si occupa della salute dei bambini, ribadiscano che di questa pratica non si deve assolutamente fare a meno. Anzi. Lo slogan scelto dall’organizzazione lascia poco spazio ai dubbi: “100%, vacciniamoli tutti”.

Tra le voci senza fondamento c’è quella, smentita da molti anni ma sempre riproposta, che il vaccino Mpr (contro morbillo-parotite e rosolia) provochi l’autismo, la leucemia o altri tumori (vedi immagine qui sotto).

Image

Fonte: http://www.focus.it/scienza/salute/vaccini-pro-e-contro

 

LA VERSIONE ANTI-VACCINI

Ben diversa è la posizione di chi non è affatto convinto della utilità dei vaccini e soprattutto si preoccupa per le dannose conseguenze sulla salute dei bambini.

“Accertato in via definitiva nesso tra vaccino e malattia, ministero condannato a risarcire. Intanto da banca dati europea spuntano 8.409 casi di sospette reazioni avverse tra il 2012 e il 2017”

Una recentissima sentenza della Corte d’Appello di Milano smentisce l’innocuità e conferma in via definitiva il nesso di causalità tra vaccini e una grave patologia di una neonata.

Lo afferma il Codacons, che rende nota la decisione passata in giudicato e annuncia una nuova denuncia contro l’AIFA (Azienda Italiana del Farmaco http://www.agenziafarmaco.gov.it/) per le informazioni non corrette diffuse negli ultimi giorni.

La Corte d’Appello ha infatti riconosciuto il nesso causale tra il vaccino somministrato ad una neonata di sei mesi e la grave encefalopatia sviluppata dalla bambina, condannando il Ministero della salute a risarcire la famiglia in base alla legge 210/92.

Si legge nella sentenza (Pres. Monica Vitali, Rel. Maria Di Paolo):

“Il Ctu ha accertato che, fino alla somministrazione del vaccino, la piccola presentava uno sviluppo assolutamente normale e non aveva sofferto di alcun disturbo. I primi disturbi del comportamento e della motilità si manifestano appena qualche giorno dopo la somministrazione della II dose di vaccino e sono subito seguiti da episodi compulsivi. […]

Il Ctu, sulla base di letteratura nazionale ed internazionale, rileva che esiste “plausibilità biologica” tra encefalopatia e vaccino del tipo di quello somministrato, nel senso che l’encefalopatia viene annoverata tra le c.d. reazioni avverse a quel tipo di vaccino […]

In conclusione il Ctu afferma qualcosa di diverso rispetto a quanto ritenuto dall’appellante. Non si tratta di “compatibilità” ma di “alta probabilità” desunta a seguito di un iter logico che il Collegio ritiene chiaro e documentato”.

 

Image

Image

 

I giudici così come i periti hanno accertato oltre ogni ragionevole dubbio che il vaccino ha plausibilmente causato la malattia nella neonata – spiega il Codacons – Alla luce di tale sentenza le ultime affermazioni rese da Aifa circa le reazioni avverse alle vaccinazioni appaiono non esaustive, e rischiano di fornire una informazione non completa alle famiglie.

Ancor di più se si considerano i numeri che emergono dalla “Banca Dati Europea delle segnalazioni di sospette reazioni avverse ai farmaci”, entrata in funzione nel 2012 e liberamente accessibile all’indirizzo http://www.adrreports.eu/it/index.html , secondo cui per il vaccino “Infanrix Hexa” ci sarebbero 8.409 segnalazioni di sospette reazioni avverse (aggiornate ad Aprile 2017).

Per tale motivo l’associazione – ribadendo ancora una volta l’importanza delle vaccinazioni – annuncia una nuova denuncia in Procura contro i vertici dell’Agenzia del Farmaco, e pubblica sul proprio sito www.codacons.it il modulo con cui i genitori possono chiedere indagini pre-vaccinali per i propri figli.

In sostanza AIFA evidenzia, negli anni 2014, 2015, 2016:

  • un totale di 21.658 reazioni avverse (8182, 7892, 5584)
  • di cui 3.351 solo da esavalente (infanrix hexa) (1857, 992, 702)
  • di cui 454 gravi (danni neurologici)
  • di cui 5 decessi (neonati prematuri vaccinati a 2 mesi e mezzo/3 con infanrix e prevnar, due dei quali anche rotavirus) due in piemonte, 1 in lombardia, 1 in sicilia, 1 basilicata.

Dal 2005 al 2015 + 40% aumento di bambini con deficit del neurosviluppo in italia.

Alluminio contenuto nei vaccini è neurotossico e facendo più vaccini insieme ravvicinati si supera la soglia facilmente (i 5 morti hanno subito vaccini in simultanea).

I dati sono comunque sottostimati (si rifanno solo alle segnalazioni) e c'è da pensare che l'AIFA stia occultando documentazioni in merito alla farmacovigilanza (dichiarazioni on. Zaccagnini).

LA MINISTRA LORENZIN È STATA DENUNCIATA ALLA PROCURA DELLA REPUBBLICA IN QUANTO PUR ESSENDO A CONOSCENZA DI QUESTI DATI DAL 10 MAGGIO, NON LI HA RESI NOTI AL PARLAMENTO, ED HA COMUNQUE EMESSO IL DECRETO IL 19 MAGGIO IGNORANDO I DATI DI PORTATA DI GRAN LUNGA SUPERIORE AL FAMOSO "1 SU UN MILIONE"

Il decreto legge è tutt'ora coperto da segreto.

Codacons chiede:

  • no all'obbligo laddove non ci sia epidemia
  • esami prevaccinali
  • vaccini singoli (come forniti nella maggior parte degli altri paesi)

il Codacons, inoltre, chiede perché i vaccini sono così cari (80% di netto ricavo per il produttore), pagati con i soldi di tutti…

Perché abbiamo pagato per 4 anni una esavalente quando i vaccini obbligatori erano 4…

Fonte: https://codacons.it/vaccini_obbligatori/

Image

Fonte: http://autoimmunityreactions.org/tag/vaccinazioni/

 

USO DI CELLULE EMBRIONALI ABORTIVE NELLA PRODUZIONE DI VACCINI

Helen Ratajczak, ricercatrice della Boehringer Ingelheim Pharmaceuticals, ha recentemente sollevato un vivace e turbolento dibattito tra chi discute il problema delle relazioni vaccino-autismo pubblicando un suo studio di revisione sulla ricerca sull’autismo.

La CBS News ha riportato: “La Dr. Ratajczak riferisce che quando i produttori di vaccini hanno dovuto eliminare il thimerosal dai vaccini (con l’eccezione dei vaccini contro l’influenza che ancora contengono thimerosal), hanno cominciato a produrre alcuni vaccini utilizzando tessuti umani.

L’utilizzo di tessuti umani secondo la Ratajczak riguarda attualmente 23 vaccini.

Nel suo studio ha discusso l’aumento di incidenza dell’autismo in corrispondenza con l’introduzione di DNA umano nel vaccino MMR, e suggerisce che le due cose potrebbero essere collegate.

Le pagine della revisione contengono un dettaglio che difficilmente poteva passare inosservato, cinque parole che rivelano uno dei segreti più shoccanti di Big Pharma, delle aziende farmaceutiche cioè: “…allevato in tessuti fetali umani”

A pagina 70 si legge: “Un aumento aggiuntivo del picco di autismo si raggiunse nel 1995 quando il vaccino della varicella fu allevato in tessuti fetali umani”.

La maggior parte di noi è del tutto ignara che le cellule di cultura umana usate per allevare i virus dei vaccini derivano da feti abortivi da decenni ormai e chi li produce è ben felice che il pubblico continui ad ignorarlo, perché sa che questo non potrebbe essere accettato dalla gente sia per le ignote conseguenze per la nostra salute che per il credo religioso di molti.

Il vaccino contro la varicella non è l’unico prodotto in questo modo e, secondo il Sound Choice Pharmaceutical Institute (SCPI), i seguenti 24 vaccini sono prodotti usando cellule provenienti da feti abortivi e/o contenenti DNA, proteine, o frammenti cellulari di colture di cellule coltivate derivate da feti umani abortivi:

Polio PolioVax, Pentacel, DT Polio Absorbed, Quadracel (Sanofi)
Measles, Mumps, Rubella MMR II, Meruvax II, MRVax, Biovax, ProQuad, MMR-V (Merck)
Priorix, Erolalix (GlaxoSmithKline)
Varicella (Chickenpox and Shingles) Varivax, ProQuad, MMR-V, Zostavax (Merck)
Varilix (GlaxoSmithKline)
Hepatitis A Vaqta (Merck)
Havrix, Twinrix (GlaxoSmithKine)
Avaxim, Vivaxim (Sanofi)
Epaxal (Crucell/Berna)
Rabies Imovax (Sanofi)

Fonte: http://www.disinformazione.it/vaccini_feti_abortiti.htm

Trasmissione su uno mattina del 2012 i vaccini sono coltivati su feti umani abortiti?

http://www.mednat.org/vaccini/contenuto_vaccini.htm

http://www.butac.it/vaccini-e-feti-abortiti/

Image

Fonte: http://autoimmunityreactions.org/tag/vaccinazioni/

 

SOLO UN’ULTIMA DOMANDA, MA PERCHÉ I POLITICI VOGLIONO CHE CI VACCINIAMO TUTTI MENTRE 8 MEDICI E INFERMIERI SU 10 NON SI VOGLIONO VACCINARE?

LASCIO AI LETTORI IPOTIZZARE LE RISPOSTE...

 

Articolo a cura di Akshara Umberto Carmignani

Commenti

Caro Umberto, cari tutti,

grazie per la chiara e neutrale esposizione.

Purtroppo io su questo tema, neutrale non riesco ad esserlo.....

Vi invito, se non lo avete già fatto, a dare un occhiata ai dati epidemiologici relativi, ricavati dalla stessa Organizzazione Mondiale della Sanità (www.who.org). Con un pò di fatica si arriva alle statistiche sulla diffusione delle malattie delle quali si preoccupa molto la signora Lorenzin.

Per la poliomelite ad esempio:

http://polioeradication.org/polio-today/polio-now/this-week/

Si evince che l'anno scorso ci sono stati 37 casi in tutto il mondo - e sempre nelle stesse 4/5 nazioni....Afganistan, Pakistan, Nigeria ... d'accordo. Sono solo quelli documentati. Forse saranno qualcuno in più. Diciamo 100? Vogliamo fare 1.000?
Sono ingegnere. Sono avvezzo alla statistica. Qual'è il rischio più alto per mio figlio? Che si prenda la polio se non lo vaccino, o che abbia qualche complicazione se lo faccio?

Sono preoccupato. Mi sento impotente. Sento di non poter proteggere i miei 3 figli dall'ennesima campagna orchestrata da chi ha evidenti interessi economici. Sento profondamente leso il mio diritto di genitore di operare le scelte che ritengo più giuste per i miei figli. Non mi si venga a dire che la "società" ha diritti più importanti: 37 casi di polio in tutto il mondo!

Vi ringrazio e vi abbraccio tutti.

Paolo

La senatrice Nerina Dirindin (Partito Democratico), ha allo studio una proposta di legge alternativa a quella del governo. Il presupposto, come segnalavo nella mia lettera, è la assenza di una emergenza epidemiologica che è invece alla base del decreto Lorenzin, il cui obiettivo è legato più all'informazione che non all'obbligo.

L'ho scoperto per caso da questo articolo del Sole 24 Ore :

www.sanita24.ilsole24ore.com/art/in-parlamento/2017-06-01/niente-obbligo-avanti-tutta-prevenzione-e-farmacovigilanza-ecco-vaccini-secondo-dirindin--153652.php?uuid=AEzCvAXB

Vi invito pertanto, se possibile,  a dare risalto a questa iniziativa e a seguirla e supportarla con attenzione.

Grazie

Paolo

Vi ringrazio per il servizio di qualità che da anni vi impegnate ad offrire.

Cordiali saluti

Paolo A.

Pagine

condividi la tua esperienza

leggi le testimonianze

 

Contatti

info@lacittadellaluce.org

 

Telefono +39.071.7959090
Chi Siamo

 

 

Seguici su Facebook

 

Newsletters